L’ipertermia oncologica in pediatria

Categoria: Risultati clinici

Bambini affetti da tumori maligni a cellule germinali a partenza non testicolare recidivati o refrattari alla chemioterapia possono trarre beneficio dall’impiego della ipertermia profonda combinata con lo schema chemioterapico PEI ( Cisplatino, Etoposide e Ifosfamide) a dosaggio convenzionale.

Uno studio di recente pubblicato su Lancet Oncology da Rudiger Wessalowski della Università Heinrich-Heine* di Dusseldorf ha riportato ottimi risultati utilizzando come salvataggio nei pazienti recidivati questa combinazione terapeutica prima e dopo l’intervento chirurgico di asportazione della massa tumorale. Dove l’asportazione chirurgica del tumore non risultava radicale venne aggiunto un ciclo di radioterapia. I risultati sono riassunti nella tabella seguente:


Parametri Risultati
Risposte complete o assenza di malattia 36%
Risposte parziali con riduzione > 50% 31%

Sopravvivenza senza malattia

62% a 5 anni
Sopravvivenza globale con malattia presente 72% a 5 anni

Sopravvivenza media

82 mesi


Questo schema, che prevede un dosaggio convenzionale di chemioterapia, ottiene risultati similari alle alte dosi di chemioterapia che hanno una tossicità più elevata. Inoltre l
opinione che le alte dosi di chemioterapia abbiano una efficacia simile alla ipertermia non è valida nei pazienti con tumori a partenza sacro-coccigea e retro-peritoneali, dove lipertermia sembra avere risultati superiori, ottenendo una remissione di malattia nel 79% contro il 60% raggiunto nei casi trattati con sola chemioterapia ad alte dosi.

Limiti di questa ricerca sono il non elevato numero di pazienti (44) e il fatto che non si tratta di uno studio randomizzato con gruppo di controllo. Del resto la rarità di questa patologia esclude che si possa progettare uno studio più completo e giustifica ampiamente queste limitazioni.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

*       Il Dipartimento di Oncologia Pediatrica di Dusseldorf ha partecipato a numerosi studi internazionali per migliorare i trattamenti oncologici in campo pediatrico. Da oltre 15 anni applica con successo l’ipertermia nella cura dei sarcomi dei tessuti molli e dei tumori maligni germinali nei bambini. Il trattamento è riconosciuto valido e adeguatamente rimborsato dalle autorità sanitarie locali.

Bibliografia

Wessalowski, R, Schneider, DT, Mils, O et al. Regional deep hyperthermia for salvage treatment of children and adolescents with refractory or recurrent non-testicular malignant germ-cell tumours: an open-label, non-randomised, single-institution,

phase 2 study. Lancet Oncol. 2013; 14: 843–852

 

photo

Rudiger Wessalowski ( a sin ) e Jens Overgaard ( a dx)